PODERE AI VALLONI

podere-ai-valloni-boca-cicloturismo-01a

Il Podere ai Valloni è una realtà storica dell’Alto Piemonte che produce Boca DOC dal 1980. Situata lungo l’antica strada Traversagna fra le colline, è una cerniera fra la zona dei laghi d’Orta e Maggiore, celebri per la bellezza dei paesaggi, delle ville e dei parchi, e la lunga vallata scavata dal Sesia e dai suoi affluenti, che sale fino al massiccio del Monte Rosa, paradiso degli amanti della montagna.

La massima cura è riservata alla conduzione della vigna, dalla lavorazione del terreno alle tecniche di potatura manuale. Il vigneto è condotto in regime di agricoltura biologica certificata, senza alcun diserbo chimico, con ridottissimi trattamenti ed una impegnativa selezione dei grappoli.

Il microclima, piacevolmente ventilato per le correnti fresche che discendono dalle valli, favorisce la maturazione delle uve che fino a ottobre si arricchiscono di colori, profumi e sapori. Di più, il vigneto radica sulle rocce del Supervulcano della Valsesia, porfidi dal caratteristico colore rosso-violaceo che donano le peculiari caratteristiche di eleganza e mineralità ai nostri vini.

Al Podere produciamo Boca DOC Vigna Cristiana, Colline Novaresi Nebbiolo DOC bio Gratus e Colline Novaresi Rosso DOC bio Sass Russ. Vini che sono prodotti esclusivamente con le uve di nostra produzione con una resa per ettaro volutamente molto bassa, a privilegiare la qualità rispetto alla quantità.

La ciclovia del Toce in autunno

La ciclovia del Toce è un bellissimo itinerario che attraversa la bassa Val d’Ossola, l’estesa valle all’estremo nord del Piemonte, tra oasi naturalistiche e incantevoli borghi. Il percorso parte da Fondotoce e arriva fino a Domodossola, per una lunghezza complessiva di circa 50 km, molti dei quali su pista ciclabile.

Nella nostra sezione dedicata ai tracciati potete trovate l’itinerario completo, qui vi raccontiamo una pedalata che abbiamo fatto in compagnia in un pomeriggio d’autunno. Abbiamo accompagnato alcune nostre amiche nella loro prima uscita con una bici elettrica, gustandoci i colori di questa stagione magica e condividendo il loro stupore e divertimento per questa prima esperienza assistita.

Per questa gita abbiamo scelto una versione ridotta con andata e ritorno da Mergozzo, precisamente dalla Casa della capra, una locanda e un ristorante nato dalla passione di Felipe e Patricia per la cucina, l’arte e la bicicletta. Questi elementi si sono fusi con gusto e ricerca del dettaglio creando un luogo magico, ancora più esaltato dalla magnifica posizione con vista sul lago di Mergozzo.

Arrivati alla Casa della Capra facciamo due chiacchiere con Felipe e Patricia, sempre molto disponibili, e prendiamo le nostre biciclette. La gita può iniziare. Con poche pedalate raggiungiamo il centro di Mergozzo, caratterizzato dalla suggestiva piazzetta affacciata sul lago. Possiamo anche ammirare il simbolo del paese, l’Olmo, una pianta secolare completamente cava che si trova al centro della piazza. Pare si tratti di una pianta risalente almeno al secolo Seicento: viene infatti già raffigurato ufficialmente nella pala d’altare dedicata alla Vergine del Rosario, dipinta dal pittore novarese Carolus Canis nel 1623.

Nonostante sia cavo internamente, l’olmo di Mergozzo è ancora in vita e ad ogni primavera si risveglia e si veste di foglioline. Chissà quante storie potrebbe raccontare….

Pages: 1 2 3

Cascina Montalbano | Azienda Vitivinicola

cascina-montalbano-ebike-be-e-05

A Cascina Montalbano facciamo il Boca DOC, tra le più peculiari espressioni del Nebbiolo dell’alto Piemonte, nell’ambito delle Colline Novaresi. E’ un vino da grande invecchiamento che riflette, nel sapore e negli aromi, l’ettaro di vigneto da cui proviene, dove la vite affonda le radici nei porfidi rosa di origine vulcanica. Cascina Montalbano si trova nel comune di Boca, in Piemonte, tra la Valsesia e I laghi d’Orta e Maggiore. Il Boca DOC è il frutto della fusione armoniosa tra l’austero Nebbiolo e la speziata Vespolina Novarese presenti rispettivamente – nel nostro caso – nelle percentuali del 70% e del 30%. Entrambi questi grandi vitigni trovano straordinaria espressione nel terroir, con terreni caratterizzati da porfidi vulcanici che vanno dal giallo, al rosa e al rosso, acidi e ricchissimi di minerali. Montalbano si trova nel territorio del comune di Boca, tra la Valsesia e i laghi d’Orta e Maggiore. La cascina è un micro-borgo che sorge sui resti di un castello del 1400, ma c’è chi assicura che quest’ultimo sia stato a sua volta costruito su una rocca del IV secolo d.C. Oltre a una torre e ai resti di imponenti bastioni, sono ancora oggi visibili antichi affreschi che mostrano soldati e cavalieri tra i merli delle mura, pronti alla difesa del maniero. Da qui proviene la figura che compare sull’etichetta del nostro Boca. Il castello fu teatro di aspre contese familiari nel basso medioevo, prima di perdere la sua importanza strategica e vedersi, nel tempo, “degradare” a cascina. La vigna si stende proprio ai piedi dell’edificio, a 430 mt sul livello del mare.

Grotto Carza bar / ristorante | Wonderwood Parco Avventura

grotto-carza-ricarica-ebike-be-e

Il Grotto Carza è il nuovo bar ristorante sul Lago Maggiore dove mangiare cibi tipici in compagnia con ingredienti a km giusto. Ideale per ciclisti amanti della montagna, biker, escursionisti, famiglie con bambini e coppie in gita romantica. Una nuovissima baita immersa nella natura, in montagna a 1.000 metri sopra Trarego Viggiona, con una splendida vista. Per chi ha voglia di sfidarsi, nel parco Wonderwood ci sono quattro percorsi avventura per i più grandi e un parco giochi per i più piccoli, oltre a sdraio per rilassarsi.

Casa della Capra

casa-della-capra-be-e-bike-ricarica-03

Casa della Capra è il progetto di un’artista e di un cuoco che amano il ciclismo. In una casa del 1910 trasformata in ristorante e locanda, promuoviamo l’Arte, la Bicicletta e la Cucina come forma di esplorare il territorio. Siamo situati di fronte allo splendido Lago di Mergozzo, nel nord del Piemonte, vicino al Parco Nazionale della Val Grande, alla Valle dell’Ossola, al Lago Maggiore e alle Isole Borromee.

Parco Rocca Borromeo | Ristoro La Corte della Rocchetta

parco-rocca-arona-ebike-01

La Rocca Borromea di Arona è una costruzione a scopo difensivo affacciata sul Lago Maggiore. Assieme alla gemella Rocca Borromea di Angera era uno dei principali punti di controllo strategici del Lago Maggiore in epoca antica. La fortezza, costruita in territorio Piemontese, nel comune di Arona, venne fondata in un periodo di poco precedente all’anno mille sotto il controllo dei Longobardi. Adibita unicamente a scopo difensivo, nei secoli successivi passò tra proprietà vescovilifino a ricoprire il ruolo di semplice rifugio attorno al XI e XII secolo.  Dopo aver subito una completa distruzione a mano della casata dei Della Torre ritornò possedimento dei Visconti nel 1227. Due secoli dopo, precisamente nel 1439, la costruzione cambiò di nuovo proprietario insieme all’intero Comune e il Castello di Arona, quando Filippo Maria Visconti la cedette come feudo a Vitaliano I Borromeo. Per ben quattro secoli la Rocca rimase in mano alla Famiglia Borromeo, dando addirittura i natali al futuro cardinale San Carlo Borromeo nel 1538. La storia della Rocca di Arona si chiude nel 1800 quando l’esercito Napoleonico ricevette l’ordine di distruggere alcune fortificazioni occupate dagli Austriaci. Da quel momento della Rocca di Arona rimangono solo alcuni resti. Tra il 1994 ed il 2000 vennero ospitati grandissimi eventi musicali tra i quali ricordiamo: Tania Maria – Fontella Bass – John Scofield – Dee Dee Bridgewater – Steve Swallow – Little Milton – Michel Petrucciani – Joe Lovano e molti altri.

LA CORTE DELLA ROCCHETTA

La Corte della Rocchetta è il nome dato al punto di ristoro del Parco della Rocca. Situata nel punto più alto del Parco gode di una spettacolare vista su tutta la città di Arona. Quale posto migliore per gustare ottimi aperitivi – speciali taglieri – vini selezionati – etc.

EVENTI INDIMENTICABILI

Il Parco della Rocca Borromeo offre la possibilità di realizzare eventi speciali in un luogo assolutamente indimenticabile. Siamo a Vostra disposizione per studiare la miglior soluzione per ogni tipo di necessità.

I PRODOTTI DI LA CORTE DELLA ROCCHETTA

Certo siamo in Piemonte, regione ricchissima di tradizione casearia, ma essendo noi di origine marchigiana abbiamo voluto inserire tra le nostre proposte alcune prelibatezze della nostra regione. Riassumiamo qui ciò che potrete gustare nei nostri taglieri dandovi, per amor d’informazione, qualche cenno sui singoli prodotti.

Punto di Ricarica Be•E | Gatto e la Volpe – Campertogno

gatto-e-volpe-campertogno-ricarica-ebike-be-e

In una baita ristrutturata rispettando rigorosamente i canoni architettonici della valle, il ristorante Il Gatto e la Volpe può accogliere gli ospiti servendo, oltre a un’ottima pizza, tipici piatti locali a base di polenta, selvaggina, formaggi prodotti nei vicini alpeggi e dolci fatti in casa così come organizzare ottime grigliate per i gruppi più numerosi. Nel bar potrete consumare colazioni, merende e alla sera chiacchierare davanti a una birra o un bicchiere di vino. Da quest’anno il ristorante sarà aperto solo i week end, con orario continuato 12.00 – 24.00 e tutto il mese di agosto. Sarà comunque possibile ordinare una ottima pizza da asporto tutte le sere, così come organizzare su prenotazione, negli altri giorni, pranzi o cene per gruppi e aziende.

Punto di Ricarica Be•E | Caffè delle Guide Alagna

caffe-guide-alagna-ricarica-ebike-bee

Uno dei bar più frequentati di Alagna è il bar dell’Hotel Monterosa, il Caffè delle Guide, che si trova sotto l’albergo al piano terra. Ci si può fare colazione e anche pranzare al Caffè delle Guide e gli sciatori vi si trovano per l’après-ski, mentre gli escursionisti vi sostano per bere qualcosa di fresco dopo la giornata di avventure. Il caffè ha l’uso esclusivo della piazzola, che d’estate diventa un caffè all’aperto davvero delizioso.

Punto di Ricarica Be•E | Alpe Meggiana

rifugio-alpe-meggiana-be-e-ebike-ricarica

Il Rifugio Meggiana, si trova a circa 10 km da Piode. Attraversato il ponte, di sale lungo la strada asfaltata fino all’Alpe Meggiana dove, lasciata l’auto al parcheggio si giunge in meno di 5 minuti al delizioso rifugio. Per i disabili c’è la possibilità di raggiungere con il mezzo proprio il rifugio, percorrendo un breve tratto di sterrato.

Qui, in uno scenario incantevole dove la vista spazia sulle montagna attorno, si può gustare un ottimo pasto con piatti della tradizione e prodotti locali serviti in un caratteristico ambiente montano.

Per gli amanti delle passeggiate in circa 30 minuti dal rifugio si giunge al panoramico Pizzo di Meggiana dove si può ammirare il Monte Rosa che si specchia nel laghetto.